Ultimi post

vuoto


Cerca nel blog

sabato 31 dicembre 2011

Buon 2012!

A te che leggi, chiunque tu sia, ovunque tu sia, da qualunque luogo tu venga e in qualunque luogo tu vada, auguro una

Buona fine 2011 e un eccellente inizio 2012!!!

EpiNeo :-)


venerdì 30 dicembre 2011

Crudismo

Per questo primo post sul crudismo sarò breve.

Il cibo crudo è meglio di quello cotto.

Non entro nel dettaglio per ora, se hai già compreso tutto da questa semplice frase significa che sei molto più in contatto con la Natura di quanto lo siano in media gli esseri umani.

Altrimenti nessun problema, l'essere umano è curioso, e spesso ama descrizioni scientifiche svilenti ma importanti per capire i perché. Più avanti però.

giovedì 29 dicembre 2011

Terza seduta

(28/12/2011)

Puntate precedenti:
  1. http://epineo.blogspot.com/2011/12/diario-operazione-denti.html
  2. http://epineo.blogspot.com/2011/12/seconda-seduta.html

Arrivo da Ronchi in buone condizioni. Il buco lasciato dal molare estratto si sta ripristinando pian piano. L'orecchio destro, nonostante tutti i cereali anche raffinati mangiati durante queste festività (non ancora concluse tra l'altro), è pulito. Non mi sembra che sgorghi il famoso liquido verde, e croste o crosticine non ne trovo.

Diverso invece il discorso per l'orecchio sinistro, che ha sempre spurgato di più nella storia degli ultimi due anni, e che qualche moderata quantità di liquido verde continua a spurgare dall'ultima seduta del 2 dicembre, aumentando in questo periodo cerealizio.

La seduta è consistita nella sostituzione di due amalgami, i molari superiori a sinistra. Poca anestesia, nonostante Ronchi mi avesse consigliato di provare l'esperienza di non fare l'anestesia. Per questa volta ho declinato l'invito :-)

Oggi, ovvero the day after, l'orecchio sinistro presenta un leggero ma netto rigonfiamento interno che mi da poco fastidio, il canale auricolare è più chiuso del normale e stanotte l'attività di spurgo e generazione crosta è stata più consistente. Di conseguenza ci sento un po' meno. I colleghi se ne stanno accorgendo a forza di rispondere È? :-P

Diciamo comunque che, perlomeno rispetto alle due sedute precedenti, tutto procede nella norma. Magari nell'attesa di saperne di più su questo liquido verde, anche se non è che sia poi così curioso a riguardo. Da buon igienista direi. Ma mi piacerebbe collaborare con quei pochi medici che frequento che sembrano avere un approccio olistico, aperto e possibilista verso argomenti e fatti strani, curiosi, rari se non unici, ma soprattutto sconosciuti alla letteratura medica. E Ronchi è avanti sotto tutti questi punti di vista.

Questa è la scienza (con la esse minuscola) che mi piace. Una scienza umile pronta a scoprire quelle poche cose che noi umani possiamo comprendere, senza la pretesa di inventare nulla, e senza l'arroganza di dire “ciò che non conosco non esiste”.

Altrimenti ammettiamo pure che nessuno di noi esista ;-)


mercoledì 28 dicembre 2011

Seconda seduta

(2/12/2011)

La descrizione della prima seduta era finita così:
“Col passare dei giorni e delle settimane il liquido continua a spurgare e i problemi all'udito e all'equilibrio tendono a scomparire, ma lo spurgo rimane comunque presente fino al giorno della seconda seduta.”

Visto che col passare dei giorni i sintomi tendevano a scomparire, nella seconda seduta abbiamo deciso di sostituire l'amalgama vicino al dente “messo peggio” da estrarre e quindi, subito dopo, di estrarre proprio questo dente.

Peccato che io sono uno molto possessivo e faccio fatica a staccarmi dalle cose a cui sono affezionato, e quel molare in basso a sinistra proprio non glielo volevo mollare. È venuto via in un'ora e un quarto. Un'eternità rispetto ai denti del giudizio che estrassi anni prima, e per giunta è uscito a pezzi.

Ma durante l'estrazione è successo qualcosa di interessante. Il liquido verde ha iniziato ad uscire copioso dall'orecchio destro, col passare dei minuti sono dovuto intervenire almeno un paio di volte per asciugare la parte. Poi la fuoriuscita aumentò ancora, tanto che Ronchi decise che era più veloce e produttivo che ogni tanto aspirasse lui con l'aspiratore, quello che si usa per la saliva per intenderci. Il liquido usciva in quantità, non so dire quanto di preciso, ma abbastanza per lasciare stupito lo stesso Ronchi, il quale col senno di poi mi disse che “a saperlo” avremmo potuto prelevarne un bel campione per fargli fare l'analisi. Purtroppo siamo stati presi di sorpresa.

Ma non finisce qui, ho altre cose interessanti da appuntare.

Come per esempio il fatto che attaccata ad una delle due radici del molare c'era l'ascesso, o granulomino, o cistino non so come chiamarlo, bello compatto e fermo come una pallina che formava un tutt'uno con la punta della radice.

Intanto il liquido ha smesso di uscire con la fine dell'operazione di estrazione. E ad oggi che scrivo 27 dicembre, l'orecchio destro è lindo e pulito, e rimane pulito anche se mangio cereali, senza che debba pulirmelo tutte le mattine. In compenso il sinistro, dopo un po' di dolore durato qualche giorno quasi come se stesse per ingolfarsi come era capitato al destro, ha iniziato a spurgare. Ma con questo non ho avuto tutta la sintomatologia dell'orecchio destro perché ha sempre spurgato volentieri e senza problemi da quasi due anni a questa parte. E ad ora spurga ancora anche se modeste quantità.

Anche in questo caso ho provato un po' di dolore e sensibilità al dente trattato e ai denti intorno per qualche giorno. Poi tutto è rientrato nella norma.

Iniziando dal giorno dell'estrazione cospargo il magnesio che mi ha consigliato Lorenzo sulla gengiva “col buco”. La cosa strana è che non ho provato nessun dolore a mettere il sale di magnesio, al contrario di quanto mi diceva Lorenzo e le testimonianze riportate.

L'unico bruciore che ho provato era sulla guancia in quanto mi è comparsa un'escoriazione a fianco del buco; non penso onestamente di essermi morso mentre avevo l'anestesia, e comunque è poi passata nel giro di una o due settimane.

Ultima chicca: Ronchi già che c'era “si è divertito” (lo dico simpaticamente) a tagliarmi un pezzettino di gengiva del dente devitalizzato estratto. Me lo ha fatto vedere in controluce e all'interno si vedevano delle macchie scure che con tutta probabilità erano depositi di mercurio. L'amalgama in questo dente l'avevo sostituita qualche anno fa, ma oramai il mercurio si era depositato ed era ben visibile. Non penso sia una cosa bella quindi se intorno ai denti con amalgame le gengive si scuriscono.

Evito di mettere le foto dei reperti estratti dalla mia bocca (pezzi di dente e gengiva), se qualche sadico avesse la curiosità di vederli me li può chiedere in privato.


martedì 27 dicembre 2011

Cena natalizia 2011

Quest'anno per la prima volta nella mia vita, al posto che festeggiare il Natale il 25, abbiamo fatto una cena il 24. Che in effetti è stata una normale cena in famiglia, con i miei e mio fratello.
Chiamarla cena natalizia o dire “festeggiare il Natale” mi fa quasi impressione perché non c'è stato nessun festeggiamento. Il Natale lo sento sempre meno e devo dire che questa sensazione di distacco dal Natale mi piace anche.
Il realtà non è che voglia staccarmi dal Natale, ma non mi trovo più bene con il clima che si respira a Natale, un commercialismo ipocrita con iniezioni di finto buonismo.
Diciamo che quest'anno è come se non avessi festeggiato nulla, mentre il prossimo anno mi piacerebbe festeggiare un altro tipo di festa, qualcosa che si rifà alla Natura, come per esempio il solstizio d'inverno e la “rinascita” del Sole, la nostra stella che sempre più mi attrae e di cui sento di avere sempre più bisogno.

Ma veniamo alla cena del 24. È stata una semplice cena che ho chiesto potesse essere vegana, e mi sembra sia andata abbastanza bene.
Come antipasto ho deciso di preparare una insalata con insalata verde, rucola, tofu affumicato, mais, semi di girasole, semi di zucca e semi di sesamo, condita con un po' d'olio di oliva evo VERO (ebbene si solo pochi giorni fa alla mia veneranda età ho conosciuto il vero olio d'oliva, ordinato presso un amico pugliese).
L'antipasto l'abbiamo continuato con una insalata russa vegana, con patate, piselli e carote lessati. Per la maionese vegana ho preso spunto dalle varie ricette presenti su VeganBlog.it, è venuta mangiabile ma sicuramente migliorabile, vedremo chi saranno le prossime cavie! :-P

Come primo piatto avrei voluto preparare dei ravioli vegani conditi semplicemente con rucola e mandorle come descritto in questa ricetta, ma non avendo voglia e tempo di fare i ravioli, e non avendoli trovati da Granaglie, il mio negozio di prodotti biologico preferito, ho deciso di piegare su delle Chitarrine di grano Senatore Cappelli in un sugo alla pseudo puttanesca. Dico pseudo perché ci sono andato piano col peperoncino per non sentirmi urlare dietro da mia madre :-)
Comunque il primo è stato molto apprezzato e devo dire che è venuto molto bene.

Come secondo i miei hanno preparato la polenta con la farina per la taragna con un mix di verdure in pentola tipo caponata, con peperoni, cipolle, pomodori, melanzane e il condimento. Molto buono pure questo piatto.

Non contento ho voluto sperimentare la torta di cioccolato vegana di VeganHome.it che una cara amica riesce a fare divinamente, nel mio caso non è venuta proprio divina ma visto la velocità con la quale è sparita doveva essere comunque molto mangiabile :-)

Per annaffiarla non abbiamo utilizzato niente di alcolico ma una buonissima bevanda rinfrescante al Fior di Sambuco e Limone di BioTrentino.it.
Direi che è andata bene nonostante alcune pietanze potevano venire meglio, ma visto che eravamo solo noi della famiglia mi sono sentito di sperimentare qualcosa di nuovo.

Vediamo per Capodanno cosa sperimenterò ;-)

venerdì 23 dicembre 2011

Diario operazione denti

Ho deciso di tenere un diario sulla mia Operazione denti. Sia per essere utile agli altri e sia per non dimenticare troppi particolari e registrare un po' le impressioni di quanto sto facendo.
Per iniziare devo però fare una premessa raccontando qualcosa, non molto, della mia storia e del mio stato di salute attuale, affinché si capiscano meglio alcune cose che racconterò nel diario.
Subito dopo inizierò a raccontare l'Operazione denti che consisterà nel sostituire tutti gli amalgami con otturazioni in Diamond Crown, e nell'estrarre i denti devitalizzati.


Premessa

Da piccolo ho avuto parecchi problemi ai denti fin da subito, a causa di un regime alimentare che includeva quasi solo latte, caffè e biscotti. I denti mi si cariavano come fossero burro nonostante non facessi uso di dolci e caramelle; ebbene si, ero un bambino anomalo, a me i dolci non piacevano, a me piaceva solo il “buon” latte e caffè coi biscotti. Ne ero dipendente. Ne bevevo tantissimo e non mangiavo quasi nient'altro.

Dovetti subire un'operazione ai denti all'età di quattro anni perché avevo molti denti cariati, alcuni da estrarre e altri da otturare. Fu così che già da molto piccolo ho iniziato ad avere in bocca il “buon” mercurio. Mentre il primo dente devitalizzato penso risalga a quando avevo circa dieci anni.

Ho avuto anche un problema di decalcificazione durante la crescita a circa 15 anni, la parte della tibia subito sotto il ginocchio mi doleva, tanto che una volta mi è addirittura ceduta la gamba. La cosa si è poi risolta da sola fortunatamente.

La situazione che presentavo in età adulta, diciamo dopo i 20 anni, era di 9 amalgami e 4 denti devitalizzati.

Negli ultimi 3 o 4 anni ho rimosso 3 amalgami senza protezione per curare delle carie, quindi a prima dell'Operazione denti la situazione era di 6 amalgami e 4 denti devitalizzati.

Verso l'inizio del 2010, a seguito del cambiamento di stile di vita e di regime alimentare che mi ha portato a nutrirmi prevalentemente di cibi crudi e in ogni caso di origine vegetale, il corpo ha iniziato a disintossicarsi in modo particolare e direi anche originale. Ho iniziato a spurgare un liquido verdino dall'odore sgradevole da orecchie e testa, che diventa crosta nel giro di pochi minuti. Questo spurgo aumentava considerevolmente quando mangiavo cereali soprattutto se raffinati, o in modo più pacato se mangiavo cereali integrali o altri cibi amidacei come le patate.
In particolare l'orecchio sinistro è quello che ha sempre spurgato molto, mentre il destro era sempre quasi pulito, a meno di mangiate notevoli di cereali per qualche giorno consecutivo.

Se riprendevo il mio regime vegano tendenzialmente crudista senza cereali, nel giro di un po' di giorni il liquido dalle orecchie non usciva più, mentre dalla testa non ho mai potuto controllare bene perché i capelli rendevano più difficile l'analisi, e facevano formare una crosta abbastanza stabile e difficile da pulire. L'impressione era comunque quella che anche dalla testa ci fosse un aumento e una diminuzione di spurgo a seconda del cibo ingerito.

Inoltre a settembre 2011 scopro, grazie a un omotossicologo tedesco, di avere ben 3 ascessi sotto 3 denti devitalizzati, cosa che lui ha rilevato su una panoramica di ben 11 anni prima! Quando subito dopo eseguo una nuova ortopanoramica i 3 ascessi sono nettamenti visibili, e in più sembra che anche il quarto dente devitalizzato stia sviluppando un focus che non fa ben sperare.

I valori del sangue prima dell'Operazione denti erano tutti a posto tranne B12 leggermente bassa (138), Omocisteina molto alta (quasi 30) e Neutrofili sotto la soglia (oltretutto in decrescita da qualche anno). Quello che mi aspetto è che alla fine dell'operazione l'Omocisteina si riduca (leggere qui) e che i Neutrofili risalgano. Inoltre il mineralogramma del capello indica che sono molto pulito da quasi tutti i metalli, mercurio compreso, purtroppo però non esistono esami affidabili a riguardo. Però ho i rapporti tra minerali alterati, e questo dovrebbe indicare un'intossicazione da metalli pesanti (a maggior ragione visto che i livelli nel sangue risultano corretti).

 
Prima seduta (27/10/2011)

Nella prima seduta dal dentista ho sostituito un amalgama su un premolare destro dell'arcata superiore, con un'otturazione in Diamond Crown, una resina molto più biocompatibile rispetto alle otturazioni in amalgama. È pero corretto dire che la biocompatibilità al 100% non esiste (al di fuori del nostro dente naturale ovviamente!).

Già dal giorno dopo ho iniziato ad accusare sensibilità ai denti, soprattutto a quello trattato, e a provare un dolore poco forte che si dirigeva dal dente ai denti vicini, e salendo arrivava fino alla tempia e all'orecchio destro. Col passare dei giorni questi sintomi si riducono fino a scomparire.

Dopo circa una settimana dalla rimozione mi si gonfia l'orecchio destro tanto da farmi venire la febbre. Dopo un brevissimo digiuno la febbre scompare, l'orecchio si sblocca ed inizia a spurgare alla grande il liquido verdino (notare che questo orecchio, il destro, era quello tendenzialmente sempre pulito). Il liquido è talmente copioso che molto probabilmente si incrosta all'interno, tappandomi l'orecchio come se fossi sempre sott'acqua, con parecchi fastidi sia all'udito, per il semplice fatto che sentivo poco e male, sia all'equilibrio, che mi dava problemi a volte a stare in piedi. Devo ricorrere spesso durante la giornata alla pulizia esterna e interna dell'orecchio con un pezzettino di carta igienica, in modo da assorbire il liquido e portarlo fuori per quanto possibile.

Sentiti Lorenzo Acerra e il dentista Federico Ronchi, decidiamo di fermarci con la sostituzione amalgami e di procedere con l'estrazione di un dente con sotto l'ascesso. Questa procedura, in linea con il protocollo che utilizzava il dottor Daunderer, l'abbiamo attuata in quanto vi era bisogno di sbloccare il sistema immunitario, di dargli tregua. Del resto un dente devitalizzato con sotto un ascesso richiede una mole di lavoro giornaliera da parte del sistema di regolazione corporeo per essere mantenuto sotto controllo, e il mio sistema era ormai giunto al limite, stava collassando. Quindi, nonostante solitamente per evitare il più possibile intossicazioni acute da mercurio prima si sostituiscono gli amalgami e poi si estraggono i denti devitalizzati, in questo caso abbiamo deciso di estrarre un dente prima della sostituzione totale degli amalgami. È una valutazione che va fatta caso per caso.

Col passare dei giorni e delle settimane il liquido continua a spurgare e i problemi all'udito e all'equilibrio tendono a scomparire, ma lo spurgo rimane comunque presente fino al giorno della seconda seduta.

giovedì 22 dicembre 2011

mercoledì 21 dicembre 2011

Il nostro pane quotidiano

Pur essendo vegano non mi reputo un animalista da strada. Uno di quelli da propaganda sfrenata magari anche un po' invadente che sbatte in faccia la realtà delle cose alla gente che intanto è felice e allegra per le strade a fare shopping.
Comprendo questi animalisti e li ammiro per la determinazione ma io non sono così. Sono più riservato, preferisco parlarne giusto se esce il discorso tra amici e conoscenti. Diciamo che sono timido su certi argomenti.
Avendo però un blog mi sento di fare un po' di più l'animalista da strada su Internet (anche se non mi ritengo animalista per ragioni che spiegherò in un altro post... forse).

Non perché è bello fare il buonista, il saccente, quello che ha capito tutto. Anzi mi devo anche sforzare a postare questi video perché mi sembra di fare il “bravo bambino che ha fatto tutti i compiti e che è educato con la maestra”. Non è una bella sensazione.

Ma avere consapevolezza di quello che accade in Italia e in tutto il mondo penso sia doveroso, per avere sempre più responsabilità delle nostre azioni e delle nostre scelte. Sempre che di scelte si tratti e non di imposizioni occulte. E tutto questo è più importante di come possa sentirmi io a scrivere certe cose e a far vedere certi video. Tutto questo va molto oltre il personale.

Il video seguente è tratto dal film documentario tedesco Unser taglich brot, ovvero Il nostro pane quotidiano, ed è uno stralcio di cosa accade nei macelli di tutto il mondo.

Nonostante sia breve e faccia vedere poco è comunque abbastanza forte, si raccomanda quindi la visione solo a persone forti di stomaco e non troppo sensibili.



Alla fine del post vi è il film documentario completo, per chi riesce a vederlo.

Prima però vorrei scrivere qualche dato pubblico preso direttamente dal sito ISTAT per quanto riguarda le macellazioni avvenute in Italia negli ultimi anni. Purtroppo non esistono ancora tutti i dati del 2010, alcuni si riferiscono al 2009.

Numero capi di polli e galline uccisi nel 2010: 491.482.832 (quasi mezzo miliardo)

Numero capi di tacchini uccisi nel 2010: 28.283.450 (più di 28 milioni)

Numero capi di faraone uccisi nel 2010: 6.437.341 (quasi 6 milioni e mezzo)

Numero capi di anatre uccisi nel 2010: 1.822.619 (più di 1 milione e 800 mila)

Numero capi di oche uccisi nel 2010: 29.195 (quasi 30 mila)

Numero capi di selvaggina uccisi nel 2010: 20.136.330 (più di 20 milioni)

Numero capi di conigli uccisi nel 2010: 24.329.870 (più di 24 milioni)

Numero capi di ovini e caprini uccisi nel 2009: 6.422.736 (più di 6 e 400 mila)

Numero capi di agnelli uccisi nel 2009: 4.962.393 (quasi 5 milioni)

Numero capi di agnelloni e castrati uccisi nel 2009: 590.662 (quasi 600 mila)

Numero capi di pecore e montoni uccisi nel 2009: 253.797 (più di 250 mila)

Numero capi di caprette e caprettoni uccisi nel 2009: 239.654 (quasi 240 mila)

Numero capi di capre e becchi uccisi nel 2009: 37.737 (quasi 38 mila)

Numero capi di suini uccisi nel 2009: 13.593.772 (quasi 13 milioni e 600 mila)

Numero capi di cavalli uccisi nel 2009: 82.329 (più di 82 mila)

Numero capi di asini, muli e bardotti uccisi nel 2009: 1.734 (più di 1700 mila)

Numero capi di vitelli uccisi nel 2009: 920.366 (più di 920 mila)

Numero capi di vitelloni e manzi uccisi nel 2009: 2.347.746 (più di 2 milioni e 300 mila)

Numero capi di buoi e tori uccisi nel 2009: 47.074 (più di 47 mila)

Numero capi di vacche uccisi nel 2009: 496.305 (quasi mezzo milione)


Parte di questa produzione (purtroppo si tratta di produzione e non di allevamenti) viene esportata. Vi è anche una quota di importazione che per semplicità non calcoliamo.
Per calcolare il quantitativo di animali uccisi in Italia nel 2010, anche se buona parte dei dati è del 2009 e visto che il trend del consumo di carne è in crescita, faccio finta che tutti i dati elencati siano del 2010, in quanto sono abbastanza sicuro di eseguire un'approssimazione per difetto.

Quindi il totale di capi di animali di terra e uccelli uccisi nell'anno 2010 è di almeno:

602.517.942 
(più di 600 MILIONI)


Per i pesci pescati non abbiamo i capi ma semplicemente il peso, perché giustamente sarebbe troppo considerare il pesce come un essere vivente. Quindi sempre l'ISTAT ci dice che nel mediterraneo nell'anno 2010 sono state pescate 223.007 tonnellate di pesce.

Ovvero:
223 MILIONI e 7 mila chilogrammi di pesce

Dato che in Italia siamo circa 60 milioni di abitanti, anche se non tutti onnivori, e anche se non tutta questa uccisione di massa è destinata al nostro paese, è un po' come se ognuno di noi italiani fosse responsabile di 10 uccisioni di animali di terra o volatili all'anno e di quasi 4 chili di pesce. Dimenticavo: da tutto questo è esclusa la caccia.

Linkografia
Dal sito ISTAT, dati sulla macellazione di:
bovini e bufalini
suini
ovini e caprini
avicunicola
equini
pesci


Di seguito il film documentario Il nostro pane quotidiano per intero.


martedì 20 dicembre 2011

La community di Cucina Italiana per Rocchetta Vara

Un'altra iniziativa per i bambini di Rocchetta Vara (oltre a quella di Patrizia della quale avevo parlato qui) è stata organizzata da Rosy di rosemarieandthyme.blogspot.com.

Spero che questa iniziativa possa aiutare la cooperativa che si cura dei bambini e ragazzi di Rocchetta Vara, anche se onestamente non condivido il contenuto del calendario e libro promosso da Rosy in quanto eticamente discutibile.

Il problema è lungo da affrontare, ci vorrebbe un libro, ma chi sono io per giudicare? È giusto sacrificare l'etica a danno di animali per salvare vite umane o addirittura “solo” per servizi dati a vite umane? È giusto non aiutare altri nostri simili “solo” perché la promozione di aiuto viene fatta mediante un prodotto non etico?
Come vedete le domande da porsi sono semplici ma le risposte non sono così scontate, così ho deciso di dare comunque visibilità all'iniziativa di Rosy.

L'unico pensiero sull'argomento, che ammetto non nasconde un certo giudizio personale, è che si potevano cogliere due obiettivi con una sola opportunità, ovvero aiutare Rocchetta Vara promuovendo un prodotto libero da crudeltà. Soprattutto in periodo Natalizio non avrebbe fatto male visto quello che accadrà sulle nostre tavole. 

venerdì 16 dicembre 2011

Meat the truth - Carne, la verità sconosciuta

Signori e signore, uomini e donne importanti e non, bambini, ragazzi, medici, scienziati e esseri di tutto il pianeta terra e non (nemmeno questo blog fosse visitato da migliaia di persone), questo film documentario è assolutamente da non perdere.

Meat the truth è un rapporto scientifico di oltre 70 minuti che spiega perché l'umanità tutta ha la necessità di mettere fine all'olocausto degli animali. Potremmo aspettarci le solite motivazioni etiche, che palle vero? 'sti animali, dobbiamo anche pensare a non mangiarli..... oppure le solite motivazioni salutistiche, oh ma sei io ho voglia di scassarmi la pancia e la testa a suon di proteine animali saranno cavoli miei o no?!

Si, sono in effetti cavoli tuoi, ma non solo.

Sono cavoli di tutto il pianeta terra. La situazione che si è venuta a creare riguardo gli allevamenti intensivi non è più sostenibile. Una mucca in un anno ha un impatto inquinante equivalente ad un'automobile di media cilindrata che percorre 70.000 km. La quantità d'acqua per produrre un chilo di carne è decine di volte superiore a quella necessaria per produrre un chilo di cereali.

L'enorme quantità di cereali per sfamare i MILIARDI di bovini destinati al macello è causa (oltre che di gravi malattie per loro che non sono in grado di digerirli correttamente) della deforestazione del pianeta e della fame che riguarda i popoli del terzo mondo.

Non voglio più anticipare nulla, c'è solo da vedere il film, e iniziare un cambiamento che porterà enormi benefici a te e a tutto il mondo. L'impatto positivo che ha anche solo la rinuncia ad un piatto carnivoro alla settimana è notevole, farlo tutta la vita è la strada per la felicità e il paradiso.

Altre informazioni e la possibilità di scaricare o ordinare il film sul sito di AgireOra.org.

Buona visione!





giovedì 15 dicembre 2011

Facciamo il collegamento

Making the connection è un film documentario di circa mezzora che mostra come la scelta alimentare vegana, ovvero senza uso di prodotti di origine animale, sia un bene per tutti. Innanzitutto è un bene per gli animali, ma anche per chi la segue e per l'intero ecosistema.

Il film, che è stato realizzato nel 2010 a cura di The Vegan Society, racconta la storia di varie persone, tutte vegane, che spiegano le motivazioni della loro scelta alimentare e l'impatto che questa esperienza ha nella vita e nel loro lavoro. Inizia con un'intervista a due chef del ristorante londinese Saf in cui si mangia cibo vegano, prosegue raccontando la vita di una maratoneta che di lavoro fa il vigile del fuoco, e di una nutrizionista che ha lavorato per il servizio sanitario nazionale. Poi è la volta di una deputata che ci tiene a porre l'accento sul minore impatto ambientale che ha uno stile di vita vegano.

È molto interessante anche sentire il pensiero di un consulente di agricoltura biologica, che suggerisce una coltivazione “stock free”, ovvero completamente priva di animali e che non fa uso nemmeno dei concimi animali.

Il video si conclude trattando il tema ambientalista, che forse è la motivazione meno conosciuta che spinge le persone a diventare vegani.

Buona visione!


domenica 11 dicembre 2011

EpiNeo, cosa significa?

Parlerò giusto un attimo del nome che ho scelto per me e per il blog. Avrei dovuto farlo all'inizio ma poco male, lo faccio ora.
In realtà EpiNeo non penso esista come parola, perlomeno quando l'ho scelto non ne avevo trovato traccia come nome comune; ho scelto EpiNeo perché mi stavano simpatiche le due particelle epi e neo, che ho voluto mettere insieme.

Epi è un prefisso utilizzato in parole che hanno come significato oltre, sopra, aggiunta, e deriva dal greco epì.
Nonostante sia utilizzato in parole abbastanza conosciute come epicentro, epilessia, epicarpo, ho notato questo prefisso quando ho letto di epigenetica, una scienza che reputo molto interessante.

Neo invece è più conosciuto, deriva anch'esso dal greco e significa nuovo.

Quindi direi che il nome EpiNeo ha un significato tipo oltre il nuovo o in aggiunta al nuovo. Insomma qualcosa di molto all'avanguardia e futuristico.

O se vi piace è semplicemente un modo per tirarmela un attimo :D:D
Ciao!

sabato 10 dicembre 2011

Questione di prospettive

Vedere qualcosa da una prospettiva diversa ci consente di scorgerne nuovi particolari, di arricchire la nostra idea in merito a quella cosa e di renderci quindi più consapevoli riguardo ad un argomento. Ma non solo: la visione diversa ci consentirà di concentrarci anche su noi stessi, di vederci diversamente e di assistere eventualmente come spettatori ad un cambiamento della nostra persona.

Lo sforzo che dobbiamo fare non è quello di cambiare noi stessi, ma semplicemente di porci in un'altra prospettiva, affinché si possa vedere una parte della realtà diversamente, con maggiori dettagli o con dettagli migliori. Il cambiamento verrà da sé, senza eccessivi sforzi ma come semplice riconfigurazione delle abitudini ancorate al vecchio modello della realtà che vedevamo.

Avete mai provato per esempio a guardare l'ambiente in cui siete da più in alto (proprio fisicamente più in alto)? È un banale esercizio che però ci fornisce già l'idea che non tutto è come sembra. È una sensazione particolare.

Al proposito possiamo guardarci la lezione del “O Capitano! Mio Capitano”, il professor John Keating (Robin Williams) del bellissimo film L'attimo fuggente.




venerdì 2 dicembre 2011

Confessione... ho mangiato pezzi di cadaveri

Lo confesso: ho mangiato pezzi di cadavere.

Non è facile ammettere una cosa del genere, e spero che le forze dell'ordine non mi vengano a cercare. Può sembrare una perversione ma non lo è, del resto quando una perversione diventa tale? Probabilmente quando questa è fuori dagli schemi comuni, non è nelle abitudini della maggior parte delle persone. L'umanità è intrisa di perversioni, da quelle sessuali a quelle comportamentali... Non credo sia giusto etichettarmi come perverso solo perché ho mangiato cadaveri!

E poi non li ho mangiati crudi eh, non sono mica così perverso! Li ho cotti... e li ho conditi nei più svariati modi, la cucina mediterranea mi ha aiutato in questo, con spezie e sapori che aiutano a mandar giù anche i cibi meno appetitosi. Spero non mi abbiano fatto troppo male, anche se presumo che ormai fossero in stato di decomposizione, ma con la cottura li avrò un po' sterilizzati..... almeno spero!

Quindi ho mangiato pezzi di cadavere in putrefazione..... bah.....

È strano a pensarci ora..... si perché adesso ho smesso eh, no lo dico nel caso che qualcuno avesse già alzato la cornetta per chiamare la polizia... e poi non ho mica ucciso io! Dai un po' di comprensione per favore... Li trovavo già morti, dovevo solo tagliarli, a volte neppure quello, e poi cucinarli. Ci sono interi cimiteri pieni di cadaveri che putrefanno, farmene un torto perché li ho mangiati quando erano già morti mi sembra un po' eccessivo sinceramente.

Poi sono stato un periodo senza mangiarli, non ricordo di preciso perché..... e ad un certo punto sono andato per prenderne uno e..... e mi sono reso conto di quello che stavo facendo, quello che prima facevo solo per abitudine. Solo che fino a che sei abituato a fare una cosa, la fai meccanicamente, senza pensarci, o perlomeno non ci pensi più tanto, la fai e basta. Pensi che sia giusta e quindi.... ma no in realtà non pensi nemmeno che sia giusta, la fai, punto.

E allora finisci che mangi cadaveri per abitudine. Per esempio, ma potrebbe essere anche un'altra cosa... Dicevo che quando ho ripreso a mangiarli mi sono reso conto di quanto stavo facendo, è stato quel momento che ha portato più consapevolezza nella mia vita, e quindi..... e quindi ho capito che ero perverso. Si perché la perversione in effetti non può essere caratterizzata su una media di “chi fa cosa”, del tipo che se la maggior parte delle persone ammazza allora è giusto ammazzare, dovrebbe essere considerata tale rispetto a valori più alti, più universali.....

Beh insomma per farla finita ho smesso di mangiare cadaveri in putrefazione ma..... mi sono ritrovato perverso! Eh si, perché tu pensi che se smetti di fare una cosa perversa diventi meno perverso e invece no, diventi perverso nel non fare quella cosa! È incredibile questa cosa però è così!

Ho scoperto che la società voleva che io fossi perverso, non me lo insegnava esplicitamente, non così esplicitamente perlomeno come lo si insegna a scuola, però in modo subdolo mi diceva che avrei dovuto essere perverso... e nella fattispecie mangiare cadaveri in putrefazione! È pazzesco veramente, ma è così te lo garantisco..... tra l'altro a ben pensarci io non c'entro proprio niente con la mia perversione. È stata questa società che ha voluto fossi così, me lo ha insegnato come dicevo, quindi.... che colpa ne ho io?

Ora che mi sono tolto questo peso mi sento più leggero, e chiunque dovesse avere questa perversione non si deve vergognare, lo capisco, non è semplice..... torno a fare il perverso della mia non-perversione..... 

mercoledì 30 novembre 2011

Denti devitalizzati 6

Ecco un altro post dove si parla del problema dei denti devitalizzati e delle cavitazioni che ne rimangono.

Nel seguente video si possono sentire delle testimonianze di guarigione da emicrania cronica, mal di stomaco, vertigini, fatica cronica, depressione, dolore all'orecchio, angine al cuore e narice bloccata.



fonti video: youtube.com/user/mercuriocarretta


martedì 29 novembre 2011

Il codice della Luce - Daniel Lumera

Giovedì scorso sono stato al Centro Olistico di Busto Arsizio per partecipare alla presentazione del libro Il codice della Luce di Daniel Lumera.

L'autore studia la luce solare da molti anni. Ha iniziato ad analizzarla e utilizzarla per curare le problematiche fisiche, ma ben presto si è reso conto che con l'ausilio della luce solare si poteva fare di più. Grazie alla sua esperienza nel campo della spiritualità, è riuscito a sfruttare i suoi studi per risolvere i conflitti emotivi delle persone, e solo come conseguenza per altro spesso non cercata, a portarle ad una guarigione fisica.

Daniel Lumera lavora prevalentemente in Spagna, ma si occupa anche di formazione in ambito medico in Italia. Stando a stretto contatto con i medici si è reso conto di come pure gli operatori del settore sanitario hanno scoperto che la risoluzione di problematiche emotive porta grandi giovamenti nel fisico.

Riporto da un paio di testimonianze, che il libro non approfondisce tanto di più di quanto lui stesso dice durante la presentazione. Credo infatti che la cosa più interessante sarebbe partecipare ad un seminario con lui dove si possa fare un'esperienza diretta delle sue conoscenze. Il seminario in genere dura dal venerdì sera alla domenica e il costo non economicissimo è comunque allineato agli altri seminari della medesima durata. Daniel Lumera terrà un seminario al Centro Olistico di Busto Arsizio il weekend del 13, 14 e 15 gennaio 2012. Si contatti il Centro Olistico per informazioni.

La sua volontà, dice Lumera anche se con altre parole, non è quella di sfruttare il metodo affinché lui sia un “santone” a cui gli adepti fanno riferimento, ma è quello di formare le persone così che acquisiscano la consapevolezza e l'esperienza che gli servirà nella vita non solo per se stessi ma anche per aiutare gli altri. Insomma vuole semplicemente diffondere un'informazione importante di cui ancora si sa molto poco o nulla negli ambiti tradizionali.

La presentazione è stata molto interessante e mi ha permesso di sapere cose che ignoravo. Per esempio lo sapevate che il nostro corpo emana luce? E che allo stesso modo emanano luce tutti gli esseri viventi?

Vi lascio guardare l'interessante video di circa mezzora in cui Daniel Lumera ha presentato il libro. Questa registrazione non è quella di giovedì scorso, bensì quella tenuta il 6 maggio 2011 alla Libreria Esoterica in Galleria Unione 1, Milano.

Buona visione!



lunedì 28 novembre 2011

Denti devitalizzati 5

Intervallate dalla spiegazione del dottor Bouquot, riporto altre testimonianze di guarigione avvenute dopo l'estrazione di denti devitalizzati effettuate nello studio del dentista francese dottor Bruno Darmon.

In questo post tratto il problema dei denti devitalizzati e delle cavitazioni che ne rimangono. Queste se non vengono trattate opportunamente possono continuare a generare problemi cronici anche molto gravi alla pari del dente devitalizzato che è stato estratto. La motivazione è che se una parte di osso è in cachessia, o cancrena, i batteri putrefattivi continuano il loro lavoro sulla parte morta, portando all'intossicazione l'intero organismo. Il processo è molto simile a quanto avviene con un cancro in qualsiasi altra parte del corpo.

Alcune indicazioni sull'estrazione dei denti devitalizzati si possono leggere qui.

Il video riporta testimonianze di guarigione, a seguito dell'estrazione dei denti devitalizzati e della pulizia delle cavitazioni, da mal di schiena cronico, depressione, spalla bloccata e dolori cronici al ginocchio.


fonti video: youtube.com/user/mercuriocarretta


domenica 27 novembre 2011

Denti devitalizzati 4

Ecco altre testimonianze di guarigione avvenute dopo l'estrazione di denti devitalizzati effettuate dal dentista francese dottor Bruno Darmon. In particolare si parla di guarigioni da sinusite, mal di testa, rinite, occhi che colano, otite e mal di gola.


fonti video: youtube.com/user/mercuriocarretta


sabato 26 novembre 2011

Salsicce fresche di maiale

Sono venuto a conoscenza di questo video brasiliano grazie al blog di Andrea Conti, e devo dire che oltre ad avermi divertito mi ha stupefatto!
Le persone “vittime” di questa candid camera, grazie a questo scherzo, penso siano venute a contatto con una realtà alla quale abitualmente non pensavano. Una realtà diversa da quella finta, fittizia, o semplicemente distorta con la quale tutti nella vita (perlomeno oggigiorno) siamo a contatto.
Il tema qui è l'alimentazione, ma si può puoi trasferire questo concetto in tutti gli altri ambiti.
Questa candid li ha forzati in qualche modo a scegliere la pillola rossa, magari anche solo per quegli istanti.
È bellissimo vedere le reazioni delle persone a protezione degli animali, non vedo incoerenza, vedo solamente una grande espressione dell'animo umano.
Complimenti a questi ignari (speriamo) protagonisti. :)



venerdì 25 novembre 2011

The Meatrix

The Meatrix è un cartone animato creato come parodia di The Matrix, per far riflettere sui metodi di produzione industriale ormai consolidati da circa un secolo.
Il protagonista è un maialino, Leo, che scopre cosa è la Meatrix e come avviene realmente la produzione di carne, grazie ad un toro antropomorfico di nome Moopheus. Insieme ai due non poteva certo mancare l'alter ego di Trinity, ovvero una gallinella di nome Chickity.
Le avventure del trio si sviluppano in tre film, The Meatrix (3:37 minuti), The Meatrix II: Revolting (4:13 minuti), e The Meatrix II ½ (2:23 minuti). La trilogia, tradotta anche in italiano, è possibile vederla di seguito.

A te la scelta: pillola blu o pillola rossa? Ricorda: ti sto offrendo solo la verità, nient'altro ;)

The Meatrix
 


The Meatrix II: Revolting
 


The Meatrix II ½
 


giovedì 24 novembre 2011

Omaggio a Freddie Mercury

Un piccolo omaggio a Freddie Mercury, uno dei più grandi cantanti e artisti musicali di sempre, ucciso dalla malasanità, la stessa che ha ucciso milioni di persone nel mondo utilizzando l'AZT, un farmaco che non aveva nemmeno passato il test sui topi, un potentissimo immunosoppressore, per curare..... l'immunodeficienza. Qualsiasi altro commento è superfluo.

Scomparso esattamente 20 anni fa, il 24 novembre 1991, Freddie ci ha lasciato insieme ai Queen un gran numero di canzoni emozionanti e originali, che hanno contraddistinto la band durante tutta la sua carriera.

Non vorrei però ricordare Freddie con la sua bellissima ma un po' triste canzone, The Show Must Go On, e visto che la grande unica visione l'ho già postata, la scelta dell'omaggio ricade su una canzone che spacca: I Was Born To Love You.

Buon ascolto e buona visione!


Denti devitalizzati 3

Qui possiamo vedere e sentire un paio testimonianze di guarigione avvenute dopo l'estrazione di denti devitalizzati effettuate dal dentista francese dottor Bruno Darmon. In particolare si parla di guarigioni da infertilità e mal di spalle cronico.



fonte: youtube.com/user/mercuriocarretta



mercoledì 23 novembre 2011

Aiutiamo l'Officina di Cucina


A volte si dimentica troppo in fretta. Quando una catastrofe colpisce un paese, una città o una regione, tutta l'Italia si stringe attorno alle persone in difficoltà, dando segno di una buona dose di umanità. Il tram tram quotidiano però ci ipnotizza la mente e ci fa dimenticare in fretta l'evento, peccato che le persone coinvolte, che hanno perso tutto o quasi, non possano dimenticare.
Così, leggendo LaBibi, ero passato sopra l'informazione primaria senza nemmeno rendermi conto di quanto stessi leggendo, notando per lo più la ricetta nella seconda parte del post.
Direi che un post a favore dell'Officina di Cucina sia il minimo che si possa fare, anche se certi aiuti dovrebbero venire dall'alto, dal basso si può fare molto. Ed ecco che arriva quindi l'iniziativa di Azabel di Kitchen Bloody Kitchen.
Per chi volesse aiutare concretamente Chiara e Claudia, le titolari dell'Officina di Cucina, è possibile effettuare una donazione, anche piccola, sul seguente conto:

IBAN: IT86T0617501410000001648580
BANCA CARIGE SPA - AG.10 - GENOVA
Intestato a: OFFICINA DI CUCINA S.N.C. FONDI ALLUVIONE 2011 NEGOZIO

È nato anche un gruppo su facebook, Foodblogger per Officina di Cucina, che può dar loro una mano.

lunedì 21 novembre 2011

Rimozione dei denti e impianti

Post correlati:
La rimozione di un dente, sia esso devitalizzato o vivo, va effettuata secondo specifici criteri. Vediamo quindi di seguito alcuni accorgimenti che una sicura estrazione deve includere.

Rimozione del periodonto

Il periodonto è un tessuto che contiene e avvolge la radice di un dente, una sorta di lenzuolo che lo accomoda nell'osso. Questo tessuto esiste in quanto esiste il dente, e va rimosso qualora sia rimosso un dente, per i seguenti motivi.
Nella maggior parte dei casi l'estrazione di un dente viene effettuata quando nella parte sottostante si è generato un ascesso, che può anche non aver dato modo di essere notato dal paziente. Molte persone infatti si ritrovano con ascessi più o meno importanti e cronici che minano la propria salute senza nemmeno accorgersi di averlo. Quando questo avviene è molto probabile che anche il periodonto sia intaccato dall'ascesso, o che magari è in una fase avanzata di putrefazione.
Per questo motivo è importante eliminare il periodonto all'estrazione di un dente, perché raramente questo tessuto non è intaccato dall'infezione che ha colpito la radice del dente.
Di seguito un video che mostra la procedura di rimozione del periodonto.


fonte: youtube.com/user/mercuriocarretta


Pulitura dell'osso

Un dentista esperto di questi argomenti (nel momento in cui scrivo in Italia sono molto pochi) effettua anche la pulitura dell'osso nelle quantità che ritiene necessarie affinché l'infezione non si rigeneri.
Infatti sono noti casi di necrosi dell'osso mandibolare che, una volta puliti, si sono rigenerati dopo qualche mese. Purtroppo i batteri molto resistenti che si formano durante le fasi di putrefazione dei tessuti e dell'osso possono riprodursi se non ripuliti totalmente.

Attesa e controllo della situazione

Dopo la rimozione del dente e del periodonto e la pulizia dell'osso (operazioni che si effettuano durante la stessa seduta) si dovrà aspettare che l'osso si rigeneri, andando quindi ad otturare la zona lasciata libera dal dente. Affinché questo avvenga ci vorrà qualche mese.
Inoltre il dentista esperto vi suggerirà di effettuare un controllo dopo un periodo che ritiene opportuno, per esempio 6 mesi dall'estrazione, per verificare che effettivamente l'osso è rigenerato e pulito, e che non si siano riformate necrosi, infezioni o putrefazioni. La panoramica può essere sufficiente per valutare la situazione. In caso il controllo abbia esito negativo potrebbe essere necessario riaprire la gengiva e ripulire un'altra volta.

Impianti

Una volta che l'osso è pronto, se lo si desidera, è possibile eseguire un impianto, ovvero una vite che avvitata nell'osso consente di montarci sopra una capsula, ridando estetica e funzionalità alla bocca.
Detto che nessun materiale diverso dal proprio dente potrà avere una biocompatibilità al 100%, si dovrà scegliere un materiale che abbia la biocompatibilità più alta possibile, e questa potrà anche variare da persona a persona. Esistono appositi test che consentono di valutare la propria compatibilità con i materiali delle protesi.

Il problema è che attualmente non esiste un materiale che non rilasci ioni, e sembra non esistere una soglia di sicurezza valida per tutti delle quantità di materiale immesse nell'organismo al di sotto della quale sicuramente non vi sarà intossicazione.

Come materiali potremmo nominare il titanio (metallo) o il diossido di zirconio (materiale ceramico), ma in entrambi i casi si trovano sia pareri favorevoli che non, per esempio guardare qui:

Il consiglio è di rivolgersi ad uno studio dentistico di ultima generazione, come per esempio quello di Federico Ronchi di Milano (smalto@eutelia.com) o quello di Bobbie Beckman di Bassano del Grappa, che possa risolvere tutti i dubbi del caso.


domenica 20 novembre 2011

Man in the mirror

(Cantata da Michael Jackson; testo e musica di Glen Ballard, Siedah Garrett)

Ooh ooh ooh aah
I'm gonna make a change
For once in my life

It's gonna feel real good
Gonna make a difference
Gonna make, it right

As I, turn up the collar on
A favorite winter coat
This wind is blowin' my mind

I see the kids, in the street
With not enough to eat
Who am I to be blind?
Pretending not to see their needs

A summer's disregard
A broken bottle top
And a one man's soul

They follow each other
On the wind ya' know
'Cause they got nowhere to go
That's why I want you to know

I'm starting with the man in the mirror
I'm asking him to change his ways
And no message could have been any clearer
If you wanna make the world a better place
Take a look at yourself and then make a change
, yey
Na na na, na na na, na na na na oh ho

I've been a victim of
A selfish kinda love
It's time that I realize

That there are some with no home
Not a nickel to loan
Could it be, really me
Pretending that they're not alone

A willow deeply scarred
Somebody's broken heart
And a washed out dream
(Washed out dream)

They follow the pattern of the wind ya' see
'Cause they got no place to be
That's why I'm starting with me

I'm starting with the man in the mirror
I'm asking him to change his ways
And no message could have been any clearer
If you wanna make the world a better place
Take a look at yourself and then make a change


I'm starting with the man in the mirror
I'm asking him to change his ways
And no message could have been any clearer
If you wanna make the world a better place
Take a look at yourself and then make that change


I'm starting with the, man in the mirror
I'm asking him to change his ways, yeah
No message could have been any clearer
If you wanna make the world a better place
Take a look at yourself and then make the... change!


I'm starting with the man in the mirror
I'm asking him to change his ways, yeah
No message could have been any clearer
If you wanna make the world a better place
Take a look at yourself and then make the change


 (You gotta get it right, while you got the time)
('Cause when you close your heart)
(Then you close your, your mind)
You can't close your, your mind!

That man, that man, that man
(With the man in the mirror, oh yeah)
That man, that man, that man
(I'm asking him to change his ways)
(Change)
That man, that man, that man
No message could have been any clearer
If you wanna make the world, a better place
Take a look at yourself, then make that change

Hoo! Hoo! Hoo!

(Na na na, na na na, na na na na)
Hoo! Hoo! Hoo!
Oh yeah
Yeah yeah yeah yeah yeah yeah
(Na na na, na na na, na na na na)

Oh no
Oh no, I'm gonna make a change
It's gonna feel real good
Come on!
(Change)
Just lift yourself
You know, you got to stop it yourself
(Yeah)
Oh
Make that change
(I gotta make that change today, oh)
(Man in the mirror)
You got to, you got to not let yourself, brother oh
Yeah
You know that
(Make that change)
(I gotta make that make me then make)
You got, you got to move
Come on! Come on!
You got to
(Stand up, stand up, stand up)
Make that change
Stand up and lift yourself, now
(Man in the mirror)
Hoo! Hoo! Hoo!
Aooh!
Make that change
(Gonna make that change, come on!)
(Man in the mirror)
You know it, you know it, you know it, you know
(Change)
Make that change!


sabato 19 novembre 2011

Amalgami, denti devitalizzati e disintossicazione

Dopo aver trattato l'argomento amalgami e denti devitalizzati in alcuni post, vorrei dare le mie impressioni su quanto si può fare per disintossicarsi in maniera corretta.
Ci tengo a dire che quanto scrivo ora potrebbe essere soggetto a rianalisi, in quanto ancora non ho un'esperienza completa a riguardo. Ho deciso comunque di mettere per iscritto quel poco che ho appreso finora da chi ne sa molto più di me e dalla mia (poca ma comunque biennale) esperienza diretta.

Innanzitutto gli amalgami e i denti devitalizzati producono due tipi di intossicazione diversa: la prima è relativa al mercurio contenuto nell'otturazione che viene assorbito dall'organismo attraverso i polmoni, la mucosa della bocca e i canali dentali; la seconda è relativa alla presenza di batteri particolarmente nocivi che prolificano grazie al dente (e in un secondo momento se si trascura la situazione anche all'osso) che tende ad andare in cancrena non essendo più “vivo”, ovvero non essendo rifornito di sostanze nutrienti mediante il sangue, ne tanto meno ripulito dalle tossine.

A meno di situazioni veramente molto trascurate e che devono essere valutate da un esperto, la disintossicazione dovrebbe avvenire nel seguente modo:
  1. rimozione amalgami;
  2. rimozione denti devitalizzati compromessi;
  3. chelazione (disintossicazione) da metalli pesanti.
Effettuare una disintossicazione potente, come un digiuno per esempio, prima di aver rimosso delle fonti di tossicità presenti all'interno dell'organismo può, a mio avviso, debilitare l'organismo senza produrre grandi miglioramenti costanti, in quanto la fonte continuerà a produrre tossine fintanto che non sarà esaurita, e questo potrebbe anche non avvenire nell'arco di una vita intera.

Per fare un paragone sarebbe come fare le pulizie di casa mentre qualcun altro continua a portare sacchetti della spazzatura in casa! Ovviamente prima dobbiamo fermare il buontempone (l'amalgama) che ci porta in casa la spazzatura (il mercurio), e poi pensare ad andare avanti a pulire la casa (il nostro corpo) dalla ulteriore spazzatura (ancora mercurio + altre tossine).

Per quanto riguarda la chelazione da metalli effettuata tramite chelanti chimici (medicinali), io sono sfavorevole a meno di situazioni molto particolari. Ritengo che il corpo abbia le capacità quasi sempre di rimettere a posto le cose se fornito degli strumenti adatti per operare, come una buona alimentazione crudista.
Prossimamente a proposito di questo tradurrò un articolo interessante sulla chelazione naturale.

In ogni caso le azioni disintossicanti da intraprendere da subito dovrebbero essere quelle eliminare tutti i prodotti di origine animale e mangiare più crudo possibile. Solo così infatti abbiamo la garanzia che la digestione gravi sull'organismo il meno possibile, portando via poca energia e poche risorse utili invece all'azione disintossicante.


giovedì 17 novembre 2011

Non è tutto oro quello che luccica

Metto le mani avanti, non sono un politicomane, non mi intendo di economia e di riforme, seguo qualche notizia sui giornali ma spesso non so prendere posizione. Forse perché la politica non mi è mai piaciuta e forse anche perché non mi sento rappresentato da nessuno dei nostri politici. Qualcuno magari mi sta più simpatico di qualcun altro, ma la certezza di aver fiducia di un politico non l'ho mai avuta, e a ben vedere penso di aver fatto bene. Perlomeno per tenere gli occhi aperti e per cercare di capire anche quello che, alla mente di un non politicomane come me, può sembrare difficile elaborare.

Detto questo, cerco di capire, o perlomeno di riflettere, su cosa sta succedendo in questi giorni, con la caduta del governo Berlusconi e l'inizio del governo Monti.

Potremmo parlare dei mille interessi personali che ha fatto Berlusconi in tutti questi anni, ma perché farlo? È palese, è tutto lì. Ognuno giudichi per quanto è in suo potere. Però in fondo Il Berlusconi è uno dei nostri, dei tanti italiani furbi e sanguisughe, che con un minimo di potere (nel suo caso un po' più che un minimo!) pensa a fare prima i propri interessi e poi in un secondo momento ancora i propri interessi. Voglio dire, che il B. è l'espressione massima della furberia italiana così come è conosciuta all'estero. Ma, e spero di non essere frainteso, comunque “qualcosa” di casa nostra.

Sia chiaro, non sto assolutamente rimpiangendo il B., ne lo sto tanto meno giustificando. Sto solo cercando di riflettere...

Anni fa ricordo che in un servizio in seconda serata in tv, si diceva di come la mafia locale italiana in alcuni paesi si fosse dovuta arrendere alla mafia straniera, ben più potente e organizzata. Anche in quel caso, non è che rimpiangessi la mafia di casa nostra, però temevo che stava per accadere qualcosa di grosso, e che si stesse per passare dalla padella nella brace. Insomma, la nostra mafia, che noi consideriamo come il tarlo e la rovina dell'Italia, che si arrende a qualcun altro? E chi sarà questo qualcun altro per essere più potente di Lei? Questa era la domanda che mi girava nella testa, e che un po' di paura onestamente mi fece provare.

Adesso rivivo la stessa situazione, pensando a Berlusconi e a..... Monti.

Si sente da anni parlare di un Nuovo Ordine Mondiale, e coloro che ne parlano sono stati derisi ed etichettati come complottisti. Però l'argomento ultimamente è stato trattato da un po' di testate sia italiane che straniere, e forse la cosa inizia a farsi più seria, soprattutto se ripulita da una serie di orpelli che la teoria del complotto prevede.

Non sto a spiegarvi io le trame che ci sarebbero dietro perché onestamente non ne sono in grado, posso solo riassumere che l'obiettivo finale è quello di creare un super governo mondiale, che potrebbe non esistere istituzionalmente (ma che di fatto esiste già), che controlli tutto e tutti. Ecco perché i governi non hanno completo potere sul proprio paese, anzi forse non ne hanno affatto.

Una volta le banche si nascondevano pur dirigendo di fatto i governi, adesso invece sono più spudorate e mettono i loro uomini al comando delle nazioni, come sta facendo la Goldman Sachs (banca americana) in Europa, per esempio con Grecia e Italia.

Una soluzione qualcuno dice che potrebbe essere tornare ad essere uno stato con moneta sovrana, con tutti i rischi e vantaggi del caso.

Riporto qui un articolo della D.ssa Ida Magli del 15/11/2011, preso da Disinformazione.it:

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - 
Uscire dall'euro e riprendesi la sovranità monetaria
D.ssa Ida Magli - 15/11/2011

Non ci sono altre vie d’uscita alla situazione: uscire dall’euro e riprendersi la sovranità monetaria. Il quadro è ormai chiarissimo agli occhi di tutti: lo scopo dell’alta finanza e dei banchieri che guidano il mondo è quello di averlo totalmente nelle loro mani distruggendo gli Stati nazionali e ogni differenza politica ed economica.

La prima a dover essere distrutta è l’Europa; le fasi che stiamo vivendo ne sono la più chiara testimonianza. Siamo pilotati spietatamente dalla Banca centrale europea verso la nostra fine, sotto le vesti del fallimento finanziario. A poco a poco i banchieri prendono il posto dei politici e la democrazia viene messa a tacere, come è successo in Grecia dove invece del referendum annunciato è stato nominato primo ministro un ex vicepresidente della Bce. In Italia, dopo averla spinta nel baratro del debito con gli attacchi ai nostri titoli, è stato inviato dal nido della Bce, dove è stato arroccato per oltre vent’anni, il signor Mario Monti con l’incarico di liquidare qualsiasi volontà di governo democratico e gli ultimi beni che l’Italia possiede.

Dobbiamo chiedere, dunque, nuove elezioni e presentarci in un partito che unisca, al di fuori di ogni ideologia politica, tutti coloro che vogliono raggiungere questo solo scopo:

uscire dall’euro, denunciando come illegittima, e quindi invalida, la rinuncia alla sovranità monetaria da parte di uno Stato sovrano; ricominciare a battere la moneta “Lira” e riservare l’acquisto dei titoli di Stato esclusivamente ai cittadini italiani.

Tutti i soci degli Italiani Liberi, tutti i loro amici e chiunque condivida questa proposta può mandare la propria firma, una e-mail col proprio nome, o il proprio pensiero all'indirizzo degli Italiani Liberi.

posta@italianiliberi.it
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Di seguito riporto qualche link per chi volesse approfondire gli argomenti.

In particolare consiglio un altro articolo tratto da Disinformazione.it:
http://www.disinformazione.it/mario_monti.htm

domenica 13 novembre 2011

Una ricetta per i bambini di Rocchetta Vara

Ieri stavo visitando il blog di Bibi, e ho notato la bella iniziativa di solidarietà per aiutare una cooperativa sociale di Borghetto Vara, la Cooperativa Gulliver che si prende cura di anziani, disabili e bambini, e che nell'alluvione che settimana scorsa ha colpito la Liguria ha perso quasi tutto quello che aveva.
L'iniziativa di solidarietà che è organizzata da Patrizia di Melagranata.it richiede solamente di condividere una ricetta che verrà utilizzata per scrivere un ricettario da vendere il cui ricavo sarà utilizzato per aiutare la Cooperativa Gulliver. Un aiuto molto semplice a cui possono partecipare tutti, sia blogger che non.

Per chi lo vuole può dare un contributo economico diretto tramite il seguente IBAN:


Ecco di seguito la mia ricetta, il mitico Amaranto con verdure che ha riscosso tanto successo tra i miei amici.

Ingredienti (per una decina di persone):
  • 1 kg di amaranto (io trovo in un negozio biologico quello della Baule Volante; l'amaranto ci mette circa 25/30 minuti a cuocere facendo bollire l'acqua, qui ci metterà un po' di più)
  • 1 cipolla
  • 1 cipollotto
  • 2 zucchine
  • 2 peperoni
  • 3 carote
  • qualche gambetto di sedano
  • un po' meno di mezza verza
  • curry
  • sale
  • olio di oliva
  • curcuma
  • pepe bianco
  • 3/4 cucchiani di un trittico dell'isola d'elba (misto di peperoncino, aglio, sale e prezzemolo)*
  • condimento ayurvedico (paprica dolce, aglio, chili in polvere, rosa di mascena, origano, timo, basilico, rosmarino, pepe nero, girasole e calendula)*
* il trittico e il condimento ayurvedico direi che si autoescludono a vicenda, magari si può evitare il trittico in quanto il condimento ayurvedico è più completo, altrimenti se proprio si vuole dare una speziatura all’ “indiana maniera” bella forte, metterli entrambi ;) Se non si posseggono e non si trovano nei negozi sostituirli con le spezie principali che li compongono.

Preparazione:
Mettere nel pentolone l'amaranto ricoperto d'acqua e accendere il fuoco, se l'acqua si dovesse asciugare aggiungerne un po' (un po' come si fa col risotto).
Tenere girato con un cucchiaio di legno.
Intanto sminuzzare (magari con l'aiuto di un robot da cucina) tutte le verdure.
Dopo circa 15/20 minuti l'amaranto sarà ancora croccante, iniziare quindi a buttarci dentro le verdure sminuzzate e ad annaffiarle con un po' d'olio di oliva.
Tenere girato con un cucchiaio di legno.
Attenzione le verdure cuocendo butteranno fuori acqua che aiuteranno l'amaranto a finire la cottura.
Aggiungere sale quanto basta (per queste dosi si va col cucchiaio da cucina ma attenzione a non esagerare).
Dopo circa 15/20 minuti iniziare a condire con le spezie (curry abbondante; attenzione alla curcuma, al trittico e al condimento ayurvedico che sono "strong"!) e il pepe bianco.
Tenere girato con un cucchiaio di legno.
Assaggiate di tanto in tanto, quando amaranto e verdure vi sembrano cotti aggiustate ancora un po' con spezie e sale se siete stati un po' indietro, quindi spegnere..... e portare in tavola! :-)



venerdì 11 novembre 2011

Amalgami 2

Il problema della tossicità degli amalgami dentali è stato affrontato per la prima volta in televisione in Italia nel 1991 grazie a Mino Damato, che ha voluto approfondire la questione nella trasmissione Incontri Televisivi su TMC (ex La7). Vengono qui discussi gli effetti tossici e allergici del rilascio di mercurio dalle otturazioni dentali metalliche grigie, chiamate appunto amalgami. Ospiti di Mino Damato in studio sono Gianpaolo La Vecchia, la vittima dell'amalgama, e Monica Kauppi dell'associazione europea anti-amalgama.

Parte 1 di 2: 

Parte 2 di 2:

giovedì 10 novembre 2011

Confessione del premio Nobel Luc Montagnier

La questione HIV e AIDS sembra non trovare mai pace.
All'inizio ci fu una diatriba su chi avesse effettivamente scoperto il virus, se il francese Luc Montagnier o l'americano (di origini italiane) Robert Gallo.
Poi ci furono i detrattori della teoria virale dell'AIDS che chiedevano le prove della scoperta dell'HIV, ovvero le prove scientifiche del suo isolamento, che però non sono mai state fornite. Di fatto quindi, ad ora, prove scientifiche alla mano, il virus HIV non esiste.
Esiste però una sindrome, l'AIDS, che indebolisce il Sistema Immunitario a tal punto da mettere la persona in pericolo di morte per una qualsiasi banale malattia. A ben vedere stiamo parlando di una forma molto avanzata della Malattia con la M maiuscola, ovvero di ciò che sta alla base di qualsiasi malattia: l'indebolimento del Sistema Immunitario. Se il nostro Sistema Immunitario è stato indebolito dal nostro comportamento anti salutare, ovvero che in qualche contesto è stato non naturale, possono instaurarsi malattie croniche, alcune delle quali portano alla morte.
Se noi ci comportassimo sempre come Natura vorrebbe, saremmo protetti 24 ore su 24 da una corazzata, un'armata di soldati speciali, un plotone immenso di cavalieri Jedi, meglio chiamato anche Sistema Immunitario.
Luc Montagnier, premio Nobel per la medicina nel 2008 per aver scoperto nel lontano 1983 il virus HIV, evento però che come ho già detto non è suffragato da prove scientifiche (chissà perché poi dare un premio Nobel per un qualcosa avvenuto così lontano nel tempo...), si confessa in questo video, dicendo cose un po' distanti da quelle che tutti sono abituati a sentire sull'AIDS, seppur continui a dare valore alla teoria virale (altrimenti oltre che la faccia ci rimetterebbe anche un bel po' di quattrini e di libertà!).
Di seguito un video tratto dal film documentario del 2009 House Of Numbers con sottotitoli in italiano (nella parte superiore dello schermo).



mercoledì 9 novembre 2011

Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo.
Mahatma Gandhi

lunedì 7 novembre 2011

Relazione mercurio omocisteina

Ho tradotto un'articolo che spiega in modo tecnico ma semplice il ruolo dell'omocisteina nell'intossicazione da mercurio, o in generale da metalli pesanti. In italiano attualmente si trovano poche risorse ma in inglese l'argomento è molto conosciuto. Pur avendo pubblicato l'articolo integralmente vorrei che si ponesse l'attenzione sui percorsi di trasformazione dell'omocisteina piuttosto che sull'analisi dei capelli e le metodiche di integrazione di minerali e vitamine. Questo perché le integrazioni in alcuni casi potrebbero essere quantomeno sconvenienti, e perché gli esami dei capelli pur se più affidabili rispetto agli esami del sangue, possono comunque essere di difficile interpretazione anche per i medici più esperti, se non si possiede una panoramica completa della salute e delle abitudini del soggetto intossicato.

Di seguito l'articolo tradotto tratto da http://www.holistic-back-relief.com/mercury-toxicity.html.
Buona lettura!

Tossicità del mercurio

L'avvelenamento da mercurio è una epidemia diffusa che colpisce quasi tutti su questo pianeta, ed è responsabile di molte malattie autoimmuni, malattie neurologiche, diminuzione delle funzionalità cerebrali e malattie renali.

Mercurio atmosferico

La principale fonte di avvelenamento da mercurio è dovuta alle emissioni degli impianti alimentati a carbone. Questo mercurio si diffonde e lo si ritrova nell'aria, nell'acqua, nel suolo e quindi nel cibo. I pesci d'oceano di grandi dimensioni come tonni e pesci spada contengono enormi quantità di mercurio. Mangiare regolarmente pesci di grandi dimensioni dell'oceano aumenta notevolmente il rischio di avvelenamento cronico da mercurio.

Mercurio e vaccinazioni

I vaccini contenenti timerosal sono un'altra tipica causa di avvelenamento da mercurio che può danneggiare sia adulti che bambini. Il timerosal è un conservante utilizzato in molte vaccinazioni per le sue proprietà antibatteriche che si suppone protegga le persone vaccinate da infezioni batteriche.
L'etilmercurio rappresenta il 49,6% del timerosal mentre il resto è tiosalicilato. Nel 1982 la FDA ha concluso che il timerosal è tossico per le cellule e l'ha ritenuto non sicuro per i prodotti farmaceutici da banco. Il timerosal è stato vietato per tutti i vaccini animali nel 1991. Tuttavia nel 1990, sia il vaccino contro l'epatite B, sia il vaccino contro l'emofilia B sono stati aggiunti al programma di vaccinazione raccomandato ai bambini appena nati, aumentando l'esposizione al timerosal per i bambini del 150%.
Sono stati fatti numerosi studi sul rapporto tra l'incremento di utilizzo di vaccini contenenti timerosal nei bambini e l'autismo, da cui sono emerse forti prove a sostegno che il timerosal, e quindi l'etilmercurio, condiziona fortemente lo sviluppo neurologico dei bambini.
Molti studi confermano inoltre un forte legame tra l'aumento dei livelli di mercurio nei tessuti e un maggior rischio di contrarre l'Alzheimer e la demenza.

Disintossicazione da mercurio

Le capacità di disintossicazione dal mercurio variano da persona a persona. Alcuni bambini e adulti hanno attenuata la capacità naturale di disintossicare adeguatamente il corpo dal mercurio.
La principale molecola che consente al corpo di disintossicarsi dal mercurio è il glutatione, seguita dalla metallotioneina, una proteina estremamente importante nei processi di disintossicazione dal mercurio. Alcuni bambini e adulti non sono in grado di produrre correttamente questi vitali prodotti chimici di disintossicazione a causa di carenze nutrizionali di zinco, B6 o rame. Uno squilibrio nel rapporto rame/zinco può interferire con la capacità dello zinco di essere utilizzato dal corpo. Anche l'aumento della domanda di metallotioneina che si lega al rame per contrastare alcuni tipi di tossicità riduce la disponibilità dello stesso rame che non potrà essere utilizzato per le sue altre innumerevoli funzioni. La metallotioneina è composta dal 50% di zinco, rendendo quest'ultimo molto importante per la disintossicazione dal mercurio.

Mercurio e glutatione

Il glutatione è una molecola la cui formazione è basata sui tre seguenti aminoacidi:
  • Cisteina
  • Glicina
  • Glutammato
La maggior parte delle persone riesce ad ottenere in abbondanza glicina e glutammato attraverso il cibo, ma alcune persone hanno una carenza di cisteina. La cisteina è di estrema importanza in quanto contiene all'interno della sua struttura dei gruppi sulfidrilici (tioli) che rendono il glutatione in grado di legarsi a:
  • mercurio
  • sostanze chimiche inquinanti
  • radicali liberi
  • radiazioni UV
  • acetaminofene (paracetamolo n.d.t.)
  • e molte altre sostanze cancerogene
Il glutatione si lega al mercurio, impedendo a quest'ultimo di interagire con le proteine delle cellule, gli enzimi responsabili della produzione di energia e neurotrasmettitori, e altri tessuti. Questi composti formati da glutatione e mercurio sono trasportati verso il fegato per essere escretati attraverso la bile e l'intestino, oppure verso i reni dove vengono eliminati con le urine.
Il glutatione è l'agente principale di disintossicazione del corpo ed è il più potente antiossidante che aiuta a prevenire il cancro causato dalla tossicità del mercurio.
La componente principale necessaria per la produzione di glutatione è la cisteina, come affermato precedentemente. La cisteina è anche il precursore della metallotioneina. Questo rende la cisteina un aminoacido molto richiesto nei processi di disintossicazione da mercurio.

Mercurio e cisteina

La disintossicazione da mercurio richiede adeguate quantità di cisteina, che è derivata dall'omocisteina mediante il ciclo di metilazione. L'omocisteina può essere utilizzata in due modi diversi.
In combinazione con la metilcobalamina (vitamina B12) l'omocisteina si trasformerà in metionina. Quest'ultima è il precursore del SAMe o S-adenosilmetionina. Il SAMe è il principale gruppo metilico donatore del corpo. Un gruppo metilico si collega ai neurotrasmettitori, alle cellule immunitarie, agli anticorpi e a molte altre cellule del corpo col fine di disattivarne la loro funzione principale. Senza un adeguato apporto di SAMe, tutti i tipi di neuroni, cellule immunitarie e cellule nervose funzioneranno senza sosta, causando complicazioni neurologiche e fisiologiche. Senza abbastanza B12 metilcobalamina o acido folico, l'omocisteina non è in grado di formare metionina.
Le donne in gravidanza sono caldamente invitate a prendere ampie dosi di vitamina B12 e acido folico per prevenire difetti del tubo neurale del feto in crescita. Il mercurio in eccesso farà in modo che l'omocisteina sarà utilizzata per la produzione di cisteina, piuttosto che di metionina, perché il corpo interpreta l'eliminazione del mercurio molto più importante della produzione quasi altrettanto importante di SAMe.
L'omocisteina richiede la vitamina B6 piridossale-5-fosfato (P5P) e lo zinco per formare cistationina. Quest'ultima richiede ancora più P5P per formare la cisteina. La cisteina contiene i gruppi tioli o sulfidrilici che rendono il glutatione molto efficace nel legarsi a tossine e mercurio, portandoli fuori dal corpo attraverso il ciclo fegato-bile-intestino o attraverso i reni e le urine.
La cisteina è anche il precursore per la taurina che viene utilizzato in grandi quantità nel cuore e nel sistema nervoso. La taurina è un aminoacido molto calmante che aiuta a regolare il sistema nervoso e a farlo funzionare ad un ritmo lento e costante. Se la cisteina è perlopiù utilizzata per la produzione di glutatione o metallotioneina, non ci sarà cisteina sufficiente per la produzione di taurina. Ciò può portare a malattie cardiache e a stressare il sistema nervoso. La taurina è utilizzata anche nella produzione di bile, che è necessaria per la ripartizione e l'assimilazione dei grassi alimentari, oltre a contribuire a disintossicare il corpo da mercurio e altre tossine.
Il mercurio in eccesso fa in modo che l'omocisteina sia troppo usata nella produzione di cisteina e glutatione o metallotioneina. Questo lascia il corpo privo di taurina e metionina, e quindi di SAMe, che aiuta a regolare e mantenere in ordine il funzionamento di neuroni, nervi e cellule immunitarie. Il mercurio in eccesso può provocare indebolimento del sistema immunitario, disfunzioni cerebrali, e la degenerazione dei nervi periferici che possono causare perdita di sensibilità o parestesie come intorpidimento e formicolio. Anche l'Alzheimer e la demenza possono derivare da un'intossicazione da mercurio che può essere causata dal mangiare troppi grandi pesci oceanici o da ripetute vaccinazioni.

Mercurio e analisi dei capelli

L'intossicazione da mercurio può essere valutata con un test di analisi dei capelli. Una situazione in cui i livelli di mercurio sono elevati, o i livelli di zinco sono troppo alti o troppo bassi, insieme al basso contenuto di sodio e potassio, può essere una prova molto chiara di intossicazione da mercurio nei tessuti molli. L'analisi dei capelli è un metodo migliore per provare l'avvelenamento da mercurio rispetto all'esame del sangue, poiché il sangue è il tessuto più protetto del corpo. Gli squilibri minerali e la presenza di metalli pesanti tossici sono relegati all'interno di cellule, organi interni e altri tessuti molli, al fine di proteggere il sangue che richiede reazioni chimiche precise per funzionare correttamente. Il capello funziona come una memoria che registra i livelli di minerali e la presenza di mercurio o altri metalli pesanti tossici per il periodo di un mese. Gli esami del sangue sono solo un'istantanea del momento preciso in cui è effettuato il test, il che rende molto difficile stabilire qualsiasi cosa. Per avere una rappresentazione chiara di ciò che sta accadendo nel sangue di una persona sarebbe necessario effettuare gli esami del sangue più volte al giorno per il periodo di una settimana. Inoltre questo esame non analizza la maggior parte dei tessuti molli, la cui situazione è indicativa di quanto sta accadendo a livello cellulare.
Sono stati progettati dei programmi di bilanciamento nutrizionale in base alle analisi dei capelli al fine di fornire la terapia più equilibrata ed efficace per aumentare la produzione di metallotioneina, glutatione e SAMe, per migliorare la capacità di disintossicazione del corpo dal mercurio presente in reni, cervello e nervi.

Mercurio e zinco

Il mercurio, avendo una struttura chimica molto simile allo zinco, tende a rimpiazzare lo zinco in molte reazioni enzimatiche per la produzione di energia che sono necessarie per la produzione di neurotrasmettitori, cellule immunitarie, e altre proteine del corpo, compresa la metallotioneina. Un'integrazione di solo zinco non sarà sufficiente ad aiutare adeguatamente il corpo a disintossicarsi dal mercurio, poiché lo zinco continuerà ad essere sfollato dal mercurio che è un metallo molto più pesante.
È necessario convincere i tessuti in cui è usato il mercurio a rilasciarlo e a prendere lo zinco al suo posto. Questo di solito richiede un adeguato supporto surrenale perché la presenza di mercurio aiuta a stimolare le nostre ghiandole surrenali a sentirsi piene di energia, quando in realtà ciò di cui realmente hanno bisogno è il riposo. La presenza di mercurio e di tutte le altre sostanze tossiche agisce come uno stimolante per le ghiandole surrenali, producendo una reazione di stress all'interno del corpo, che richiede la produzione di adrenalina, cortisolo ed altri ormoni surrenali che aiutano a sostenere i processi di disintossicazione previsti da tali tossine.
Disintossicandosi semplicemente dal mercurio, le ghiandole surrenali potrebbero collassare perché gli effetti stimolanti del mercurio non sarebbero più presenti. Questo può far sentire esausti e si può anche stare molto male. Ecco perché una analisi dei capelli è consigliata, affinché si possa progettare non solo di sbarazzarsi del mercurio o altri metalli pesanti, ma anche a guidare il processo di ricostruzione delle ghiandole surrenali con vitamina A, E, vitamine del gruppo B, acido folico, zinco, etc. Prendendo questi minerali senza aver effettuato l'analisi dei capelli può portare a gravi squilibri perché il dosaggio e i rapporti di questi minerali sono estremamente importanti per bilanciare il metabolismo e la funzione della tiroide, nonché contribuire a ripristinare in modo naturale le capacità di disintossicazione dal mercurio.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...